Blefaroplastica, per un viso più giovane e tonico

Blefaroplastica, per un viso più giovane e tonico

La blefaroplastica è l’intervento chirurgico che consente di ringiovanire il viso correggendo difetti che possono non solo rendere un viso meno bello ma avere una valenza funzionale, impedendo una buona visione, a causa di occhiaie, borse di grasso e palpebre superiori cadenti per un eccesso di cute. Infatti, non è raro che in pazienti che si sono sottoposti ad interventi di chirurgia bariatrica possano rendersi necessari degli interventi estetici come l’addominoplastica o la blefaroplastica per eliminare gli eccessi di cute.

Quando si consiglia la blefaroplastica?

La blefaroplastica può essere una soluzione per risolvere problemi legati a:

  • Un accumulo di tessuto adiposo periorbitale che causano borse sotto agli occhi.
  • Occhi cadenti, che danno al viso un aspetto perennemente triste e stanco.
  • Zampe di gallina, che invecchiano lo sguardo.
  • Cute in eccesso che copre la piega della palpebra non consentendo una apertura corretta e completa dell’occhio.
  • Arrossamenti, lacrimazione o restringimento del campo visivo dovuti ad un rigonfiamento delle palpebre.

A che età si può effettuare la blefaroplastica?

Non ci sono limiti di età per questo tipo di intervento: di solito i pazienti che ricorrono alla blefaroplastica hanno un’età fra i 40 e i 60 anni, ma può essere eseguita anche in pazienti ottantenni, se le condizioni generali di salute lo consentono.

Infatti prima di sottoporsi a questo tipo di intervento occorre effettuare alcuni esami come quelli bioumorali di routine, l’RX toracico, l’Ecg ed infine un test di lacrimazione, che devono confermare un buono stato di salute per poter procedere all’intervento. Inoltre due settimane prima dell’operazione deve essere sospesa l’assunzione di farmaci anticoncezionali, antinfiammatori, a base di acido acetilsalicilico ed Omega 3.

Com’è l’anestesia per la blefaroplastica?

L’anestesia può essere locale o in qualche raro caso generale (dipende dal paziente e dal quadro generale delle condizioni cliniche), ma in entrambi i casi in genere abbinata ad una sedazione endovenosa. La blefaroplastica è un intervento che dura relativamente poco (si va una alle tre ore, in base al tipo di intervento a al numero di palpebre da operare), con dei rischi di complicanze bassissimi e le dimissioni del paziente avvengono in giornata.

 

Recupero post-operatorio della blefaroplastica

Il dolore post-operatorio è di solito sopportabile e ben controllato dagli analgesici. Il recupero post-operatorio  è abbastanza rapido, con i punti di sutura che si rimuovono dopo una settimana dall’intervento (ma se cicatrizzano bene anche dopo 3 giorni) e col paziente che potrà riprendere a vedere la Tv dopo 48-36 h dall’intervento e potrà invece riprendere a leggere dopo una settimana circa.

Desideri maggiori informazioni sulla blefaroplastica o metterti in contatto col Dott. Scalera? compila il FORM CONTATTI e invia la tua richiesta. Sarai ricontattato nel minor tempo possibile.

Prenota un appuntamento