Cerca
  • Webbles Agency

OBESITÀ: A RISCHIO FERTILITÀ E GRAVIDANZE

Aggiornato il: feb 28

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità l’obesità è una delle cause dell’infertilità, in

particolare è responsabile del 6% di casi di infertilità primaria (concepimento del

primo figlio) e del 12% di casi di infertilità totale. L’eccesso di peso infatti può

portare a disfunzioni ormonali significative che influiscono sia sulla capacità di

concepire un figlio che di portare a termine una gravidanza.


Infertilità femminile: l’obesità altera il ciclo mestruale e diminuisce gli

estrogeni

Le donne obese presentano un rischio di infertilità 3 volte superiore rispetto a

quelle con un peso normale. Per una donna sovrappeso la probabilità di rimanere

incinta è inferiore del 26%, mentre per una donna obesa è inferiore del 43%.


Il ciclo mestruale è regolato da una serie di meccanismi ormonali. Quando gli

ormoni non funzionano perfettamente aumenta il rischio di cicli irregolari o di

amenorrea, assenza del sanguinamento mestruale. È stimato che il 40 % delle

donne obese presentano irregolarità nelle mestruazioni.


Nel grasso è presente un ormone, androstenedione, che dà origine all’estrone.

Normalmente questo viene rilasciato ciclicamente, invece le donne obese lo

emettono sempre e l’eccesso di estrogeno porta scompensi nel sistema

riproduttivo.


Un’altra conseguenza dell’eccesso di peso è la resistenza all’insulina. Quando

l’organismo produce troppa insulina rilascia degli ormoni che influiscono

negativamente anche sulle ovaie e sull’utero.

Ancora, l’obesità può causare la sindrome dell'ovaio policistico, condizione

caratterizzata da ovaie ingrandite con cisti di varie dimensioni. Questa sindrome

comporta l'anovulazione o disfunzione ovulatoria, fenomeno per cui il ciclo

mestruale non produce ovuli.


L’obesità incide sulla possibilità di portare a termine una gravidanza

L'obesità influisce anche sulle gravidanze naturali e assistite, aumenta il rischio di

nascite premature e di aborti spontanei a causa di depositi di grasso nelle ovaie

che possono interferire con lo sviluppo embrionale.


Una donna obesa ha più probabilità di sviluppare il diabete gestazionale (quando

viene diagnosticato nel secondo o terzo mese di gravidanza) e anche un

maggiore rischio di gestosi (ipertensione in gravidanza, tra le principali cause di

mortalità materna e perinatale).


In alcuni casi il feto può presentare un’alterazione della crescita sia in eccesso che

in difetto e una volta nato sviluppare disturbi al cervello e al cuore.

Per le donne in sovrappeso o obese che si sottopongono alla fecondazione in vitro

la possibilità che un bambino nasca vivo sono più basse rispetto alle donne con


una massa corporea normale. In media, la possibilità di un parto si riduce del 9%

nelle donne in sovrappeso e del 20% nelle donne obese.


Infertilità maschile: l’obesità riduce gli spermatozoi e il testosterone

L’obesità influisce anche sulla fertilità degli uomini, è stimato che ogni 10 kg in più

aumenta del 10% l’infertilità maschile.


L’eccesso di peso comporta il calo del testosterone e disfunzioni sessuali, come

problemi erettili; il 79% dei pazienti con disfunzione erettile risulta in soprappeso o

obeso.


Un altro fenomeno causato dall’obesità è l'ipertermia testicolare: il grasso

mantiene la temperatura dello scroto elevata, mentre normalmente questa zona si

trova a una temperatura leggermente inferiore. Una temperatura troppo alta riduce

la funzionalità dei testicoli.


L'obesità aumenta il nuoto lento e riduce la qualità dello sperma: i soggetti obesi

presentano circa 9 milioni di spermatozoi in meno rispetto agli individui con un peso

nella norma.


Gli effetti benefici della chirurgia bariatrica sulla fertilità

Gli interventi di chirurgia bariatrica ed in particolare la Sleeve Gastrectomy eseguita

dal Prof Scalera fanno perdere tutti i kg in eccesso e di conseguenza ripristinano

gli equilibri ormonali aumentando la fertilità.


La perdita di peso dopo interventi allo stomaco negli uomini ha aumentato i livelli di

testosterone e migliorato la vitalità, il numero e il volume degli spermatozoi.

Per le donne invece si è verificata una crescita della globulina legante gli ormoni

sessuali che aumenta la fertilità e mantiene l'equilibrio ormonale.


Si sono riscontrati anche miglioramenti nel ciclo mestruale, meno lungo e più

regolare. Gli studi hanno inoltre verificato un aumento significativo del

concepimento, dopo la chirurgia allo stomaco l'83% delle donne sono rimaste

incinte.


Dimostrato il nesso tra obesità e infertilità, anche in questo caso la chirurgia

bariatrica si rivela la strada da percorrere nel processo della guarigione.





113 visualizzazioni0 commenti

Prof. Giuseppe Scalera

Chirurgia plastica e chirurgia batriatrica

  • Bianco Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco Instagram Icona

Contatti

Studio di Obesità e di Chirurgia Plastica del prof. Giuseppe Scalera
Via Campania n.9 – 80017 Melito di Napoli (NA)

Clinica Ruesch
Viale Maria Cristina di Savoia n.39 – 80122 Napoli

ARS Biomedica
Via Luigi Bodio 58

00191 Roma

CASA DI CURA SANTA MARIA LA BRUNA Via Nazionale 627, Torre del Greco (Na)

© 2020 by Scalera Giuseppe. Farmed by Webidoo. Privacy & Cookie Policy